Kimagure Orange College - Due presentazioni imbarazzanti
- 16 -

Written by Kino

From aichan@iol.it
Newsgroup it.arti.cartoni
Subject [FANFIC NON ORIG.] KOC #16: Due presentazioni imbarazzanti
Date 05/12/97 1.25.43
Organization KORTAC - Italian KOC Dept.
Lines 796
Message-ID <1d0rid6.s5tpsccku58gN@pn-max-ip-95.iunet.it>
NNTP-Posting-Host 195.45.11.95

KIMAGURE ORANGE COLLEGE
a cura di Stephen Tsai


Episodio 16 - Due presentazioni imbarazzanti

[Appartamento di Madoka Ayukawa e Sachiko Ikemoto. Keiko Kimura e'
seduta davanti alla scrivania di Madoka, e sta preparando una serie di
documenti mentre Madoka la osserva.] 

Keiko Kimura: [Mentre disegna un panda gigante sul suo foglio.]
Kuma-chan*... dovrai essere al meglio!

*Kuma sta per orso, ma puo' essere inteso anche come panda gigante 

Madoka Ayukawa: [Guardando da sopra le spalle.] Ah-ha! Fa parte della
relazione per il preside di facolta'?

Keiko: [Cercando inutilmente di nascondere il disegno.] ... 

Madoka: [Sorride] E' tutto a posto. Dovresti essere orgogliosa; quasi
nessuno riesce a presentare una relazione al preside di facolta' durante
il suo primo anno. 

Keiko: Gia'... ma... [Mostrandosi decisamente depressa.] 

Madoka: Eh? Cosa c'e' che non va? 

Keiko: Beh... 

[La memoria di Keiko torna ad un episodio avvenuto in casa sua...] 

Akiko Kimura: [Gentilmente ma con decisione.] E' tempo che tu cominci a
far piazza pulita di questi ghiribizzi infantili di animali e
fantasticherie. Ora sei una studentessa universitaria; presto sarai
catapultata nel mondo reale... 

Masaki Kimura: [Piangendo appoggiato ad una spalla di Keiko.] Povera
Keiko...

Akiko Kimura: [Con fermezza a Masaki.] Caro... non rendi le cose piu'
facili! [A Keiko.] Dovresti cominciare a prendere in considerazione il
tuo futuro. Forse come docente universitario, quando acquisirai il
dottorato, oppure come ricercatrice teorica. [Alza il compito di meta'
trimestre di Keiko; dietro all'indicazione di ottimo si vede un coniglio
che sta ballando.] Nessuno di loro disegnerebbe mai cose simili.

Keiko: [Abbassando lo sguardo.] N-no... presumo di no. 

[Ritorno alla realta'.] 

Madoka: [Con tono rassicurante.] Va tutto bene. Sono sicura che loro
vogliano soltanto il tuo bene. Ma... alla fine dei conti, la decisione
spetta a te. 

Keiko: Eh? Cosa vorresti dire? 

Madoka: In questo momento, i tuoi genitori stanno pensando cosa sia
meglio per te, non rendendosi conto che ti piacerebbe fare le cose in
modo diverso. Spetta a te, e non a loro, decidere se vuoi tener fede
alle loro aspettative o andare per la tua strada. 

Keiko: [Annuisce.] Gia'! 

[Societa' finanziaria Mason. All'interno del palazzo di acciaio e vetro,
milioni di yen scorrono attraverso la reste di computer in ogni ora
della giornata. In uno degli uffici, Sachiko Ikemoto sta discutendo una
proposta con un direttore di filiale.] 

Sachiko Ikemoto: Agli statunitensi piace fare le cose in modo diverso,
capo sezione Ezaki. Sono la sola persona che lei abbia che ha parlato
con i clienti, visto le loro offerte, e che possa parlare la loro
lingua.

Ezaki: E' vero, ma... il nostro superiore Amano non ne sara'
compiaciuto. E' convinto di poter presentare un'offerta migliore. Ha una
maggiore esperienza con i mercati merceologici e dei futures.

Sachiko: Ma prima d'ora, non e' mai stato fuori dal Giappone. Con ha
alcuna esperienza nella direzione di una seduta di lavoro di tipo
occidentale. D'altro canto, non gli gioverebbe molto, se li annoiasse
fino a farli dormire, come e' successo l'ultima volta che abbiamo avuto
un cliente statunitense. 

Ezaki: Questo e' vero... [Con tono severo.] ma non devi fare errori.
Questa e' una presentazione importante. Abbiamo a disposizione una sola
opportunita', visto che il cliente ha in progetto di rimanere in citta'
solo per pochi giorni. Se avremo successo, questo significhera' un
grosso affare per questa societa'; altrimenti...

Sachiko: [Si inchina.] Ho capito. Le garantisco di poter esporre una
presentazione memorabile che lascera' un'immagine positiva. 

Ezaki: Molto bene. Informero' il nostro superiore Amano della mia
decisione. Si assicuri di potercela fare o saremo entrambi nei guai. 

[All'esterno dell'ufficio, all'insaputa dei partecipanti all'interno, la
responsabile dell'ufficio* ascolta da un citofono riservato
precedentemente acceso. Una seconda responsabile termina di riempire
delle tazze di the per un successivo incontro che sta per iniziare, e si
avvicina alla scrivania della donna.]

*Nella versione originale OL o Office Lady: di solito ha il compito di
prendersi cura di lavori accessori riguardanti l'ufficio. 

Prima responsabile: [Bisbigliando.] Sta ancora chiedendo dei privilegi
speciali? 

Seconda responsabile: [Annuisce e sussurra.] Ha una bella faccia
tosta... come se non avesse gia' ottenuto abbastanza! 

Prima responsabile: Sai che Ikemoto vive con un'altra persona? 

Seconda responsabile: Con un uomo??? 

Prima responsabile: No! Mai! Non potrebbe essere! Una sua amica piu'
giovane, un'universitaria.

Seconda responsabile: Bene, almeno ha un'amica che frequenta
l'universitaria. 

Prima responsabile: Beh, ma e' strano. La ragazza e' una studentessa
della Butsumetsu, ma e' una matricola! Quando Ikemoto era
all'universita', lei doveva essere ancora alle elementari! Come e'
possibile che questa studentessa sia sua amica? 

Seconda responsabile: Hmm... non la capisco... 

Prima responsabile: Gia', lei e' diversa. E' un'estranea!

Seconda responsabile: [Notando il bricco del caffe'.] Hai riempito anche
la sua tazza? 

Prima responsabile: Perche' dovrei? Puo' prendersene una tazza da sola
come il resto di noi! Se la chiede, dille che io... [Si blocca
improvvisamente quando la porta dell'ufficio si apre. Una volta che
Sachiko giunge alla scrivania, nota la sua tazza vuota.] Ahh... Stavo
giusto per...

Sachiko: [In modo conciso.] Non preoccuparti. 

[Di nuovo nell'appartamento di Madoka e Sachiko. E' gia' tarda sera, e
Keiko sta terminando la sua relazione mentre Madoka la aiuta a
raccoglierla all'interno di una busta di Manila per stampati.] 

Madoka: Non ti devi preoccupare di nulla; sono sicura che farai bene! 

Keiko: [Porge a Madoka la relazione compilata.] La presentazione e' per
dopodomani. Sei certa che sara' pronta per allora? 

Madoka: Certo! La portero' a stampare domani mattina e Kasuga ha
promesso che la andra' a prendere e te la fara' avere mentre si rechera'
al Chez Kooun. La tua presentazione si terra' alle 11.00, giusto? 

Keiko: Si'! [Sorride con ritrovata fiducia.] Kyo-chan e' cosi'
affidabile! 

Madoka: Ah... si'! Hai ancora intenzione di rilassarti dopo la
presentazione? Volevi andare a fare delle compere. 

[Prima che Keiko possa confermare i suoi progetti, la porta d' ingresso
dell'appartamento si apre, sbloccata dalla chiave. Sachiko entra
nell'appartamento, ripone con cura la propria cartella, quindi controlla
i messaggi della segreteria telefonica, notando l'assenza di uno che
stava attendendo.] 

Sachiko: Madoka, mi ha chiamato qualcuno? 

Madoka: Tua madre ha chiamato un'altra volta. 

Sachiko: [Con tono forzato.] Ha chiamato qualcuno di importante?
Aspettavo una telefonata di un agente della NYSE* che mi confermasse
alcune quotazioni di merci e futures. 

* New York Stock Exchange: La borsa di New York, comunemente conosciuta
come Wall Street. (NdT)

Madoka: [Decidendo di non inoltrarsi in una successiva discussione.] No.

Sachiko: [Controlla l'orologio.] Merda... ci vorranno altre due ore
prima che i mercati di New York aprano! Non sopporto di dovermi
presentare senza alcuna preparazione. Hai ritirato la mia presentazione?

Madoka: Kasuga andra' a prenderla e la consegnera' alla tua societa'
domani mattina. 

Sachiko: Hrumph! Kasuga? [Porge sdegnata a Madoka una busta sulla quale
c'e' stampato "Retribuzioni".] E' cosi' inaffidabile; gli converra' non
rovinarmela. [Va nella sua stanza, accende il computer, ed estrae una
piccola agendina telefonica nera. Dopo aver rintracciato l'informazione
cercata, estrae il suo telefono cellulare e compone un numero.] <<Salve,
desidererei parlare con il signor Mente della Jackson & Stein... Si, so
che i mercati non apriranno che tra due ore, ma sto chiamando dal
Giappone... Signor Mente, sono la signora Ikemoto da Tokyo. Avrei
bisogno che mi spedisse via fax alcune stime e informazioni riguardanti
le merci e i fondi della vostra compagnia.>>

[Nota dell'autore: "<<" e ">>" indicano che il personaggio sta parlando
in inglese.] 

[Mentre Sachiko scorre una lista di diverse societa', il fax prende
vita, facendo pervenire diverse colonne di cifre. Sachiko chiude la
linea del cellulare, ed analizza i dati che le sono pervenuti. Come
inizia a battere velocemente sulla tastiera del computer per inserire le
cifre nella sua relazione finale, il telefono squilla di nuovo.] 

Sachiko: <<Pronto?>> Mamma! [Con tono infastidito.] Ti ho detto di non
chiamarmi sul cellulare! [Stacca la linea e torna a rivolgere la sua
attenzione al computer.]

Keiko: [Controllando il progetto di Sachiko.] Eh? Penso che stia
commettendo un errore! Non sta riportando i calcoli oltre cinque punti
decimali di precisione! 

Madoka: E' tutto a posto... quando diverranno denaro, sono sicura che
sapra' di cosa stara' parlando. [Osserva con una certa preoccupazione
Sachiko che inserisce un foglio stampato all'interno della macchina fax
e compone un altro numero sul suo telefono cellulare.] Ma hai ragione...
sta commettendo degli errori... 

[Il giorno successivo, nella societa' finanziaria Mason. Durante un
incontro di meta' pomeriggio, alcuni dirigenti discutono su un
promemoria ricevuto recentemente via posta interna, mentre uno degli
impiegati sta ricevendo un severo rimprovero.] 

Primo dirigente: Di nuovo con quattro ore di ritardo? Cosa fa
esattamente durante il suo tempo libero, signor Umao? 

Umao: [Si inchina per scusarsi con una mano dietro la testa per
l'imbarazzo.] Beh, in effetti, e'... difficile da spiegare... 

Amano: [Evidentemente infastidito.] Cosa significa che Ikemoto
presentera' l'offerta di vendita? Solo perche' consce l'inglese, non
vuole dire che possa vendere agli stranieri in modo migliore.

Ginga: [Bevendo un bicchiere d'acqua preso dal frigorifero.] Beh, ha una
maggiore esperienza di fondi internazionali rispetto alla tua, e... 

Amano: [Interrompe Ginga.] E solo perche' tu stai cercando di essere
cortese con lei, non significa che tu dovresti ignorare la palese
verita' o lasciare che i tuoi sentimenti personali interferiscano con le
tue decisioni!

Ginga: [In modo analitico.] Penso che tu sia leggermente ingiusto. Come
hai notato, ho seguito i suoi progressi con notevole interesse. E' un
elemento prezioso, e tenuto in notevole considerazione in questa
societa'. Se continui a sottovalutarla a causa del suo sesso*, diverra'
una formidabile antagonista. Che ti piaccia o no, questa e' la verita'
nuda e cruda.

*Mentre alcune compagnie stanno cambiando, ancora molte delle societa'
giapponesi tendono ad avere delle "porte chiuse" per le proprie
dipendenti di sesso femminile.

Amano: Ad ogni modo, cosa vedi in lei esattamente? Perche' stai cercando
di stare al suo fianco? Come se lei ti si potesse offrire in qualche
modo! 

Ginga: [Termina l'acqua e getta il bicchiere di plastica nel cestino.]
Diciamo solo che ho le mie ragioni. 

[Chez Kooun. Una volta che l'afflusso dell'ora di pranzo scema nella
calma pomeridiana, Kyosuke si versa una tazza di caffe' da un bricco di
vetro.] 

Kyosuke: [Porge la tazza a Madoka, seduta al banco.] Tieni. 

Madoka: [Prende il caffe'.] Grazie. [Passa a Kyosuke un biglietto da
visita.] 

Kyosuke: [Esaminando il cartoncino.] Tipografia Essai? 

Madoka: [Annuisce.] Gia'. Le stampe dei lavori di Keiko e Ikemoto
dovrebbero essere pronte, cosi' puoi fare un viaggio in meno. 

Kyosuke: OK. [Infila il biglietto in tasca.] Dopo averli ritirati,
dovro' consegnarne uno in universita' e l'altro alla Mason? 

Madoka: Esatto. [Comincia a bere il proprio caffe', regge la tazza e
quindi sorride.] Lo sai, questa e' una sorta di inversione rispetto a
dove ci incontravamo ai tempi delle superiori. 

Kyosuke: [Guarda il banco e il suo grembiule da lavoro, appoggia una
mano dietro la testa e ride] Ahaha... e' vero. [Si stringe nelle
spalle.] Posso capire Keiko... tuttavia pensavo che la tua compagna di
appartamento non ti piacesse molto...

Madoka: Beh, mi ha pagato per farle alcune copie, perche' ha detto che
si tratta di una presentazione urgente. Inoltre... penso che qualche
volta sia perche', quando la vedo, e' come se mi guardassi in uno
specchio infranto. Ti sei mai chiesto come sarebbero andate le cose, se
non ci fossimo mai incontrati? 

Kyosuke: Eh? Beh... [La sua mente torna alla volta in cui ha incontrato
Madoka in un mondo alternativo privo di calore, nel quale lui non
esisteva.] 

Madoka: Qualche volta penso come sarebbe cambiata la mia vita. Se Hikaru
avesse trovato qualcuno... beh... [La voce le viene meno.] 

Kyosuke: Sono proprio felice... che ci siamo conosciuti. 

[Irohanihoheto Pub. Il locale e' fumoso e scuro, mentre i giovani
clienti si lasciano andare alla degustazione di specialita' giapponesi
ed occidentali, accompagnate da copiose quantita' di bevande alcoliche.
Seduta da sola in un angolo della sala, Sachiko accarezza un calice di
liquore mentre scorre mentalmente una lista di cifre gia' in testa, da
preparare per l'indomani. Viene interrotta da un viso familiare.] 

Takeo Morita: Posso sedermi? 

Sachiko: [Riconoscendo il viso quasi immediatamente.] TU?!? 

Takeo: Ehi! Non cosi' forte! Un uomo con il mio mestiere non si compiace
nell'attirare l'attenzione!

Sachiko: [Sarcasticamente.] Penso che faro' meglio a controllare la mia
auto. [Fa per alzarsi.] 

Takeo: [Con tono tranquillo.] Non ti preoccupare; sono in pausa! Anche
il mio lavoro ha bisogno di momenti di relax. 

Sachiko: Che lavoro! Un branco di malviventi e di teppisti in un
deposito, intenti a derubare le persone dei propri beni! [Si accende una
sigaretta.] Sei un ladro, detto chiaro e tondo. 

Takeo: [Indifferente all'atteggiamento di Sachiko.] Una signora come te
non dovrebbe fumare; potresti pentirtene negli anni a venire. 

Sachiko: [Con condiscendenza.] Diversamente da te, mi abbandono solo a
due vizi; il bere e il fumo. Quindi preoccupati dei tuoi brutti vizi,
prima di interessarti dei miei. 

Takeo: A me piace vivere la vita nella sua totalita'. Sai qual e' il tuo
problema? Hai bisogno di mollare alcuni dei tuoi atteggiamenti formali e
sostenuti. Dovresti pensare al tuo futuro. Vuoi veramente essere dove ti
stai spingendo, tra dieci o vent'anni da adesso? 

Sachiko: [Con tono arrogante.] Che ridicola assurdita'! Devi sapere che
io sono una delle responsabili piu' giovani della mia compagnia e una
delle poche donne ad avercela mai fatta. Sono in corsa per una
promozione e mi sto facendo un nome nel mio lavoro. [In modo eloquente a
Takeo.] Al contrario di alcune persone, sto facendo qualcosa per me
stessa e sto per arrivare in cima! [Si alza.] Arrivederci! 

[Takeo termina il suo drink una volta che Sachiko si e' alzata. Dopo
essersi assicurato che nessuno lo stia guardando, termina anche cio' che
e' rimasto nel bicchiere di Sachiko. Il suo sorriso di soddisfazione
scema leggermente mentre la osserva allontanarsi.] 

Takeo: Ma... sara' sicuramente triste in cima, non e' vero? 

[Distretto finanziario di Tokyo. In mezzo al normale brulichio di
persone, Kyosuke sta cercando di aprirsi un varco tra la folla.] 

Kyosuke: [Controlla l'orologio mentre corre con una busta di Manila
sottobraccio.] Accidenti! Sono ancora una volta in ritardo! [Giunge alla
societa' finanziaria Mason e si infila nell'ingresso principale.] Ho un
pacco per Sachiko Ikemoto! 

Addetto della reception: [Controllando con il telefono e l'agenda degli
appuntamenti.] Ah, lei e' in ritardo! Si stavano domandando dove fosse
finito! [Chiama un postino degli uffici e gli porge la busta.] La faccia
avere di corsa alla reception della sala proiezioni. 

Postino: [Si inchina dopo aver preso il pacchetto.] Va bene! 

Kyosuke: [Trattiene il respiro una volta uscito dal palazzo. Controlla
quindi l'orologio, che segna le 10.52.] Beh, l'ho scampata per un pelo.
[Ripensa alla consegna che ha fatto precedentemente in mattinata.] Spero
che a Keiko vada bene. 

[Facolta' di matematica dell'universita' Butsumetsu. In una delle
piccole sale conferenza, Keiko estrae le proprie diapositive e controlla
velocemente il suo aspetto, mentre il preside di facolta' e il professor
Oinuma fanno il loro ingresso.] 

Preside di facolta': [A Oinuma.] Spero che questa ragazza sia cosi'
intelligente come dice. Non mi piace consentire eccezioni al normale
piano accademico. 

Oinuma: Si fidi di me, professor Kajiyama, tenere Kimura nel corso
inferiore sarebbe uno speco del nostro tempo e del suo potenziale. [Nota
che Keiko e' gia' presente ed ha sistemato le proprie note.] Sono sicuro
che dopo aver sentito la sua presentazione, sara' d'accordo con me

Kajiyama: [Sussurra a Oinuma.] Spero solo che non abbia quei ridicoli
disegni. [Sfoglia una cartella di esami di meta' trimestre di Keiko e di
alcuni lavori per casa selezionati.] 

Oinuma: Certo, professor Kajiyama. [Fa un cenno a Keiko.] Puoi iniziare.

Keiko: [Leggermente agitata.] Ah... si'! [Si inchina, e quindi posa la
prima diapositiva nel proiettore.] Come sapete, l'uso delle analisi
statistiche ci permette di fare una proiezione di eventi futuri, basata
sulla probabilita' e sullo studio delle passate tendenze. [Si volta per
dedicarsi alla prima diapositiva.] Generalmente, noi usiamo... [La voce
le viene meno quando osserva l'immagine alla quale si rivolge.] 

Oinuma: [A se stesso.] Grafici a barre? [Schiarisce la gola.] Kimura,
pensavo che dovesse essere un esempio di analisi matematico-statistica
delle tendenze. 

Keiko: [Balbettando.] Ah... si'! Questo e'... un esempio reale! [A se
stessa.] Kuma-chan... dove sei?

[Sala del consiglio della finanziaria Mason. Diversi uomini d'affari
vestiti in modo molto elegante si siedono mentre le luci principali si
attenuano per aumentare la visibilita' del proiettore. Dall'altro lato
del tavolo, un piccolo gruppo di stranieri vestiti altrettanto
elegantemente blocca la propria conversazione privata e presta
attenzione, una volta che Sachiko sale sul podio.] 

Sachiko: <<Signor Jamerson, signor McNamara.>> [Si inchina.] <<Gentili
signori, e' un onore per me potervi parlare oggi. Sono qui per
presentarvi le possibilita' che la nostra societa' vi offre negli
investimenti finanziari, durante i prossimi mesi e negli anni
successivi.>> [Preme un telecomando per rendere visibile la prima
diapositiva in programma, ignorando gli improvvisi mormorii che si
alzano dagli uomini d'affari li' riuniti.] <<Come molti di voi sanno,
questi mutevoli periodi economici...>> 

Ginga: [Ad Amano mentre cerca di fare del suo meglio per sopprimere il
divertimento.] Non mi meraviglia che volesse tutti qui... 

Amano: [Sorride, quindi si copre la bocca.] Forse non e' una tale
frigida strega, dopo tutto!

Ezaki: [In modo eccitato a se stesso.] Cosa diamine e' questo? E' il
modo "occidentale" di vendita?!? 

Sachiko: [Terminando la sua introduzione.] <<...consente a coloro che
investono in modi non convenzionali di proteggere il proprio denaro e di
assicurare i propri investimenti, permettendo una crescita per il breve
e il lungo periodo.>> [Alza una bacchetta di legno e si volta.]
Innanzitutto, vorrei mostrar...>> [La voce le viene meno quando vede lo
schermo per la prima volta. La punta della bacchetta sta toccando un
coniglio danzante.] 

Jamerson: [Trattenendo a malapena un sogghigno mentre sussurra a
McNamara.] <<Pensavo che tu avessi detto che i giapponesi non hanno
sense of humour!>> 

McNamara: [Cercando di comprendere la colonna di enormi numeri e
sussurrando di ritorno a Jamerson.] <<Quello che voglio capire e' come
raccapezzarmi con tutti questi complessi calcoli...>> 

[Di nuovo alla facolta' di matematica dell'universita' Butsumetsu. Keiko
continua a avanzare a stento mentre indica un grafico a torta e cerca di
ricavarne un senso.] 

Keiko: ...il quale dimostra... in questo esempio di totale di questa
societa' fittizia... [Individua un grafico a linee, che segue in modo
adatto la tendenza giusta.] che le probabilita' sono forti per una
contrazione delle loro... [Legge il titolo del grafico e la sua
didascalia.] previsioni finanziarie. Basandoci sul... [Citando dalla
memoria.] teorema di analisi delle medie del professor Boyce,
possiamo... 

Kajiyama: [Bisbiglia a Oinuma.] Lo sa, questo non e' proprio quanto mi
aspettassi. 

Oinuma: No, nemmeno quanto mi aspettassi io. Ha qualcosa da obiettare? 

Kajiyama: [Osservando la successiva diapositiva che fa apparire diverse
colonne di numeri e di potenziali prezzi futuri di merci.] No...
lasciala continuare. 

[Di nuovo alla sala del consiglio della finanziaria Mason. Sachiko sta
riuscendo a continuare la presentazione, ma non piu' cosi' sicura come
aveva cominciato.] 

Sachiko: <<...e come potete vedere dalle...>> [Notando le colonne di
numeri calcolati con estrema precisione.] <<analisi attentamente
compiute, i nostri fondi offrono scelte di investimento altamente
diversificate e flessibilita' in periodi economici variabili.>> 

McNamara: [A Jamerson mentre cerca di scorrere le colonne di numeri e di
formule matematiche complesse.] <<E'... e' questo che significa? Non
vedevo cose calcolate cosi' precisamente dai tempi dell'universita'!>> 

Jamerson: [Adesso incapace di trattenere il sorriso.] <<Ormai mi
piace!>> 

Sachiko: <<...potete vedere, abbiamo fatto in modo di dimostrare che,
con le tendenze economiche esistenti, crediamo che ci sia il 72,5% di
possibilita' che i fondi piu' limitati ed aggressivi continuino a
mostrare una crescita vantaggiosa.>> 

Jamerson: [Indicando un disegno di panda con un discorso racchiuso in un
balloon.] <<Ma il panda gigante sta dicendo 68.9328%...>> 

Sachiko: [Facendo del suo meglio per mantenere una certa compostezza.]
<<Ahh... si'! Proprio cosi'. Sta... citando un calcolo fornito dalla...
borsa valori giapponese... che mostra... il guadagno netto... per le
societa' piu' grandi.>> 

Amano: [Sarcasticamente a se stesso.] Oh, certo che lo e', non e' vero?

[Facolta' di matematica dell'universita' Butsumetsu. Keiko ha concluso
la sua presentazione e sta facendo i resoconti finali.] 

Keiko: [Si inchina.] Vi ringrazio molto per avermi permesso di fare
questa presentazione. Rimarro' in attesa della vostra decisione per la
nostra prossima assemblea del corso di studi. [Si inchina nuovamente e
se ne va.] 

Oinuma: Beh... non proprio come mi aspettavo. Sembrava... leggermente
meno sicura di se stessa per come la conoscevo. 

Kajiyama: Forse era agitata. Presumo che ci si dovesse attendere questo.
Tuttavia, ho compreso il suo punto di vista a proposito della sua
abilita' matematica. Lo riferiro' al necessario tavolo di lavoro prima
che inizi il prossimo semestre. 

Oinuma: Quindi e' soddisfatto della sua capacita' matematica? 

Kajiyama: Oh, nel vedere i suoi esami, sapevo che lei possedesse il
talento per avere successo nel corso avanzato di matematica. [Con
leggera arroganza.] Ero semplicemente perplesso sulla sua maturita', con
tutti quegli stupidi disegni sui suoi compiti. [Mostrandosi molto
soddisfatto.] Ma devo ammetterlo; quella presentazione e' stata una
delle piu' professionali che abbia mai visto da molto tempo a questa
parte. [Completa il suo pensiero mentre entrambi escono dall'aula.] Mi
fatto quasi venire voglia di comperare delle azioni. 

[Sala del consiglio della finanziaria Mason. Una volta che la riunione
e' stata sciolta, Jamerson e McNamara avvicinano Sachiko.] 

Jamerson: <<Beh, direi che il suo stile e'... poco ortodosso, ma devo
ammettere di essere rimasto colpito dai suoi calcoli.>> 

McNamara: <<Potremmo avere una copia stampata di alcuni di quei calcoli?
Vorrei che alcuni nostri economisti confermassero le sue previsioni.>> 

Sachiko: <<Beh... dovrei... farli ristampare, ovviamente...>> 

McNamara: <<Certamente.>> [A Ezaki.] <<E' stata una presentazione
affascinante. La signora e'... una persona interessante.>> 

Amano: [Con espressione divertita dopo aver ascoltato l'interprete.]
Si', qui la chiamiamo "La regina coniglietta". 

Sachiko: [Digrignando i denti.] ... 

Ezaki: [Visibilmente a disagio.] Ah... gia'. Tuttavia spero che potremo
avere dei rapporti d'affari. 

McNamara: [Dopo aver ascoltato la traduzione.] <<Dobbiamo ovviamente
esaminare diverse proposte con le quali avremo contatti fra breve.>> 

Ezaki: [Una volta ascoltata la traduzione.] Certamente. [I gruppi si
inchinano l'uno all'altro, quindi Ezaki si volta verso Sachiko.] Vorrei
vederti nel mio ufficio. 

Sachiko: [Lo segue con la testa abbassata.] ... 

Amano: [Sorridendo con distaccata soddisfazione verso Ginga.] Beh, farai
meglio a prendere le distanze da lei... sara' costretta a trasferirsi
dopo tutto questo. 

Ginga: [Osserva con curiosita'.] Forse... 

[Appartamento di Madoka. Dopo aver finito di leggere un libro di storia
della musica classica, Madoka lo posa giu' e guarda l'orologio. Nota che
Keiko dovrebbe arrivare entro breve, e accende la televisione per
passare un po' di tempo fino al suo arrivo.] 

Televisione: ...ma Kanemaru continua a negare qualsiasi violazione. Il
primo ministro Miyazawa ha confermato la sua fiducia  nell'onesta' di
Kanemaru. Per quanto riguarda lo sport di oggi, gli Hawks hanno
sconfitto i Lions con una convincente prestazione di Akiyama, autore di
un 4 su 4 contro la sua passata squadra... 

Madoka: [Si alza dopo aver sentito bussare alla porta.] Ah! Keiko! Come
e' andata? 

Keiko: [Con un sorriso spumeggiante.] Beh, c'e' stata un po' di
confusione; le diapositive erano diverse! 

Madoka: [Con espressione stupita.] Eh? Cosa significa diverse? 

Keiko: [Mostra a Madoka una delle diapositive della presentazione.] Il
preside Kajiyama ha detto che dovro' rimanere nel corso delle matricole
fino al termine del semestre autunnale, ma poi valutera' la mia
posizione. 

Madoka: [Scorre le diapositive.] Uh oh... [Le sue percezioni vengono
interrotte dall'apertura della porta d'ingresso.] 

Kyosuke: [All'entrata.] Madoka? Siete pronte per uscire? 

Madoka: Kasuga! [Solleva le diapositive.] Cosa significa questo? 

Kyosuke: Eh? [Passa le varie diapositive.] Cos'e'? 

Madoka: Questo e' cio' che hai consegnato a Keiko questa mattina. E'
l'offerta di vendita di Ikemoto. 

Kyosuke: Quindi cosa ho lasciato alla Maso...? [Viene interrotto dalla
porta d'ingresso che si apre nuovamente, questa volta con maggiore
violenza.] 

Sachiko: [Mostrandosi decisamente furiosa una volta precipitatasi
nell'appartamento.] Dov'e'?!? 

Televisione: ...e la Butsumetsu ha pareggiato la serie con la Kyodai*,
perdendo la partita mattutina 5-3, e tornando a vincere 7-2
nell'incontro serale, mentre la Waseda continua il suo predominio sulla
Todai**, vincendo 9-1. Gli altri risultati annoverano...

*Universita' di Kyoto

**Universita' di Tokyo 

Kyosuke: [Mostrandosi terrorizzato.] Ahh... cosa e' successo? 

Sachiko: Cosa e' successo?!? [Afferrando Kyosuke per la camicia.] Hai
rovinato la mia presentazione e mi hai reso lo zimbello della
compagnia!!! 

Keiko: [Con espressione scioccata.] E' spaventoso! Madoka, di cosa sta
parlando?

Madoka: ... [Momentaneamente senza parole, quindi con un tono irritato.]
Aspetta un attimo! E' stato un errore in buona fede; poteva... [Esita
leggermente.] succedere a chiunque! 

[In quel momento, il telefono si mette a squillare.] 

Madoka: [Attraversa la stanza e tira su la cornetta.] Pronto? 

Akira Hayashibara: [Dall'altra parte della cornetta.] Ciao... sono io.
Sto chiamando da Kyoto. 

Sachiko: [Ancora aggrappata alla camicia di Kyosuke mentre Madoka
risponde al telefono.] Come hai potuto essere cosi' stupido?!? 

Kyosuke: [Con tono terrorizzato.] Un errore! E' stato un errore! 

Madoka: [Cercando, senza riuscirvi, di seguire la discussione che sta
avvenendo nella sala.] Ciao... ho visto la partita in televisione. Tu...
[Fa una lunga pausa per considerare cio' che deve dire. Lanciando un
occhiata sopra la spalla, vede Sachiko, Kyosuke e Keiko intenti in una
discussione animata ma silenziosa.] hai giocato molto bene nella seconda
partita. Il telecronista ha detto che sei ormai a ridosso di Doi, per
quanto riguarda le valide. 

Akira: [Con tono raggiante.] Beh, il senpai Doi e' il nostro miglior
battitore. [Piu' seriamente.] Ayukawa... a proposito dell'altra notte...
vorrei solo chiarire le cose... 

Madoka: [Con tono sommesso.] Si, volevo parlartene anch'io... tu... mi
hai colto alla sprovvista. 

Akira: Kasuga... lo ha saputo? 

Madoka: No... [Da un'occhiata colma di colpevolezza a Kyosuke.] Non
gliel'ho ancora detto. 

Televisione: ...ripetendo la notizia finanziaria principale, la societa'
di investimento Jackson & Stein ha compiuto oggi un annuncio a sorpresa,
riferendo di essere intenzionata ad acquisire sul mercato internazionale
un ingente blocco di azioni commerciali della Finanziaria Mason. Gli
esperti hanno manifestato la propria sorpresa, per quanto fosse
ampiamente previsto ... 

Sachiko: [La sua attenzione e' stata attirata dalla televisione.] No-non
puo'... 

Kyosuke: [Timidamente.] Ora potresti lasciarmi andare? 

Akira: Beh... non farlo, per favore. Io penso... che dovremmo cercare...
di dimenticare cio' che e' successo quella notte. 

Madoka: Eh? Stai dicendo che dopotutto non la pensi in quel modo? 

Akira: No... voglio dire... e' solo che... non voglio essere colui che
si possa frapporre tra te e Kasuga. 

Madoka: Capisco... [Sospira.] Hai ragione... sarebbe... piu' semplice
per tutti gli interessati. Io spero... io voglio che noi si resti ancora
amici. 

Akira: Piacerebbe molto anche a me. Arrivederci... ci vedremo quando
saro' di ritorno. [A se stesso, mentre riappende.] Questa era la cosa
migliore da fare... [Abbassa il capo, solo in parte per la fatica del
dopo partita.] Spero veramente di poter convincere me stesso che sia
vero... [Non si accorge che la mano sta stringendo ancora il ricevitore,
con le nocche diventate pallide.] 

Madoka: [Riappende, quindi fissa il telefono. Dolcemente, sussurra.]
Hayashibara... 

Kyosuke: [Si avvicina a lei insieme a Keiko.] Ayukawa, chi era? 

Madoka: [Trasalendo.] E... eh? Ah, era Hayashibara. 

Keiko: Ti ha chiamato dalla Kyodai? Wow! Ha chiesto di me?

Madoka: Gli fa... piacere che sia andato tutto bene. 

Keiko: Si e' ricordato di me? Che fortuna! [Batte le mani, unendole.]
Madoka, non e' meraviglioso essere nei pensieri di qualcuno cosi'
attraente? 

Kyosuke: ... 

Madoka: [Forza un sorriso.] Gia'! Ora festeggiamo il tuo successo
andando a fare compere. La cena la offro io. 

Keiko: [Sorride.] Yaay! 

[Mezz'ora piu' tardi. Mentre il trio sta viaggiando su uno
scompartimento del treno, il ticchettio delle rotaie riecheggia in
sottofondo.] 

Kyosuke: Accidenti, pensavo che Ikemoto non terminasse piu' di farmi la
paternale. Alla fine si e' rinchiusa nella sua stanza. [Sorride
nervosamente.] E' stato un errore in buona fede!

Keiko: [Con espressione addolorata.] Ikemoto e' stata cosi' cattiva con
Kyo-chan... Madoka, lo stampatore deve aver scambiato le copie! 

Madoka: Ah... [Alza lo sguardo verso il tetto della carrozza.] si',
dev'essere cosi'. Io ritengo che tutto e' bene cio' che finisce bene.
[Sorride.] Ora dicci qualcosa piu' a proposito della tua presentazione.
Il professor Oinuma deve essere stato molto orgoglioso di te. 

Keiko: Si'! Era decisamente agitato all'inizio, e quando le diapositive
si sono dimostrate diverse, pensavo... 

[Mentre Keiko e Kyosuke ridono per quello che e' successo, Madoka guarda
dall'altra parte. Si ritrova a pensare ad Akira; una frase si replica
nella sua mente. "Madoka... io ti amo..."] 

Keiko: E quindi il professor Oinuma ha detto... Madoka? Madoka? C'e'
qualcosa non va? 

Madoka: [Si volta improvvisamente.] N... no, certo che no. 

Keiko: ... 

Narrazione di Kyosuke: In quel momento, capii che qualcosa stava
preoccupando Ayukawa, ma allora non ci feci molto caso. Se solo lo
avessi fatto, forse alcuni eventi spiacevoli sarebbero potuti essere
evitati...] 

[Suntory Been Garden sulla sommita' del palazzo Suntory. Ginga entra nel
giardino pensile, non dando importanza alla vista della circostante
Akasaka, e si dirige al bar. Dopo aver ordinato un birra, si siede
accanto a Tanaka, che lo sta attendendo ad un tavolo. Il fumo sale dallo
sfrigolante lombata di manzo arrosta, che si sta cucinando sulla griglia
da tavolo.] 

Tanaka: [Porge tranquillamente a Ginga una piccola busta.] Comprendo che
tu stia avendo delle difficolta'. 

Ginga: [Intasca la busta e tracanna il suo primo drink.] Penseresti che
una donna cosi' attraente come lei potrebbe essere interessata a...
attivita' dopolavorative? 

Tanaka: [Prende una porzione di lombata e la mangia lentamente.] Le
donne brutte sono le piu' ardenti*

*Akujo no fuka-nasake(Proverbio giapponese) 

Ginga: [Ordina un altro drink.] Beh, qui si sta avverando il contrario;
e' troppo fredda per sedurla e troppo sveglia per ingannarla. Quasi
tutto cio' a cui e' interessata riguarda il denaro e le sue prospettive.
Ora che ha venduto con successo quel blocco di azioni, ci sono diversi
altri dirigenti e membri del personale che cercano di seguirne i
progressi. Diventera' piu' difficile che mai cercare di ottenere favori
da lei. 

Tanaka: Capisco. [Sorride] Una donna con la mia stessa sensibilita'.
[Porge a Ginga una busta con del denaro.] Tieni. 

Ginga: Per cos'e'? 

Tanaka: Convincila a far aprire alcuni conti per i tuoi amici, come loro
mediatori. Vediamo se il ricatto ha successo dove il desiderio non puo'.

SCHEDE DEI NUOVI PERSONAGGI

Amano e Ezaki: 

        Colleghi di lavoro di Sachiko Ikemoto nella societa' finanziaria
Mason. Amano e' prevenuto contro di lei a causa del suo sesso, ma Ezaki
ne ha una opinione meno preconcetta. Amano e Sachiko occupano la stessa
posizione, mentre Ezaki e' il loro immediato superiore.

-- 
Luciano Villalta aka Kino           aichan@iol.it * khinno@hotmail.com
KORTAC Adept #33                    Traduttore semi-ufficiale di KOC 
Membro #6 U&TFC                     Membro degli ASSASSINS